sabato 22 dicembre 2012

Per motivi indipendenti dalla nostra volontà, la fine del mondo è rimandata a data da stabilirsi.


Quasi quasi ci speravo che arrivasse la fine del mondo che, ad occhio e croce, sarebbe potuta essere la fine di tante sofferenze.
Avremmo finito per esempio di pagare le tasse, di lavorare, di andare per negozi con le consorti a fare shopping, di fare vacanze intelligenti, di sorridere alla suocera, di andare alle riunioni di condominio....e tanto altro ancora.

Non è la prima volta che vengono annunciate date in cui si sarebbero dovute avverare catastrofi planetarie...anzi, ciclicamente ci vengono riproposte queste bufale che siamo costretti a tollerare nostro malgrado.
E non mancano di certo le persone disposte a credere alle teorie più bislacche, magari propinate da santoni o profeti moderni in cattiva fede e disposti a tutto.

Già nella bibbia e precisamente nell'apocalisse si parla della fine del mondo e da allora non c'è stata una setta religiosa che non abbia previsto disastri, terremoti o cataclismi tipo Sodoma e Gomorra.

Ed i creduloni abbondano oggi come allora, così come abbonda la stupidità umana, che nel nostro caso ci ha costretto per mesi e mesi a sentire notizie bislacche, e questa volta annunciate a livello planetario.

È chiaro che ognuno può farsi l'opinione che vuole, io personalmente penso che forse aveva ragione George Harrison quando diceva semplicemente che:

"Alla fine il mondo cadrà a pezzi a causa della stupidità della gente."




Nessun commento:

Posta un commento